Con la sentenza n. 22381/2012, la Corte di Cassazione ha ribadito che, per la responsabilità negli incidenti stradali “La presunzione di colpa prevista dall’articolo 2054 del Codice Civile, ha funzione meramente sussidiaria, giacché opera soltanto ove non sia possibile l’accertamento in concreto della misura delle rispettive responsabilità.”

Nella suddetta sentenza la Cassazione, ha ritenuto che per lo scontro frontale tra due veicoli, a seguito della chiara invasione della corsia opposta di uno di questi, ne può rispondere solo l’automobilista che ha sbandato; l’eccesso di velocità dell’altro mezzo può infatti risultare ininfluente ai fini dell’accertamento delle responsabilità.
Quindi nel caso sia accertata la colpa esclusiva di uno dei conducenti, questa sarà sufficiente a liberare l’altro dalla presunzione della corresponsabilità di cui all’articolo 2054, nonché dall’onere di dimostrare di aver fatto tutto il possibile per evitare il sinistro.